•  

Cure domiciliari: la storia di Francesco, specializzando in pediatria

Cure Domicliari

Mi piacerebbe occuparmi di bambini affetti da malattie rare, questi piccoli speciali che hanno bisogno non solo di un medico, ma di qualcuno che si prenda cura di loro a 360° e con le cure domiciliari offriamo loro la possibilità di rimanere nel proprio ambiente famigliare.

Sono al secondo anno della specializzazione in pediatria a Trieste e ho ancora un percorso abbastanza lungo davanti, ma già adesso so che mi piacerebbe occuparmi di malattie rare, un grande mare in cui sono comprese condizioni molto diverse tra loro, spesso caratterizzate da un'origine genetica. I bambini che presentano queste patologie sono speciali proprio per la particolarità della loro malattia, non hanno solo bisogno solo di un medico, ma di qualcuno che si prenda cura di loro sotto diversi aspetti. 

AIL mi sta dando la possibilità di fare esperienza in questo campo finanziando una borsa di studio in Pediatria presso l'ospedale di Pordenone e di seguire anche bambini affetti da malattie rare. Lavorare in un ospedale più piccolo per un periodo mi permette infatti di stare in ‘prima linea’, un’esperienza preziosa perché tratto pazienti molto diversi e costruisco un bagaglio di competenze estremamente utili per la mia carriera futura.

Tra le varie attività di cui mi occupo mi ha particolarmente colpito il servizio di Cure Domiciliari sostenuto dall’Associazione, perché ho potuto verificare quanto sia fondamentale per i pazienti e essere curati a casa, senza spostarsi in continuazione per terapie e controlli. Offrire ad un bambino con una malattia impegnativa la possibilità di rimanere nel proprio ambiente famigliare, circondato dai propri punti di riferimento, significa farlo sentire sicuro e protetto, aiutarlo ad affrontare meglio una sfida difficile.

Ma le Cure Domiciliari sono importanti anche per i familiari, perché possono scambiarsi opinioni con medici e specialisti al di fuori dell’ospedale, dove i tempi sono spesso compressi e ci sono molti pazienti da seguire. Questo consente una presa in carico del bambino e della famiglia a 360° con un’attenzione sia per l’aspetto clinico che per l’aspetto psicologico.

In questo anno sto imparando molto sulla medicina ma anche sui pazienti e sono grato per questa opportunità perché se in futuro riuscirò a raggiungere i miei obiettivi e curare questi bambini speciali, sarà anche grazie all’esperienza che AIL mi ha offerto.

 

img cuore 5x1000 AIL

Sostieni le Cure Domiciliari e reparti di oncoematologia pediatrica , scrivi il codice fiscale AIL e destina il tuo 5x1000 alla nostra causa.

Scriviamo insieme un'altra bellissima storia!

 

Codice fiscale AIL 80102390582

Scopri come donare il 5x1000

 

 

Questa è la storia di Zeno. Il racconto di un amore capace di superare tutti gli ostacoli, anche la leucemia. Sostieni AIL #MaiPiùSogniSpezzati

Questo sito utilizza i cookie tecnici per il proprio corretto funzionamento e cookie di terze parti per l'implementazione di alcune funzionalità esterne (ad es. social bookmarks). Navigando le pagine del sito o cliccando su 'OK' acconsenti all'impiego dei cookie.

Leggi l'informativa completa