•  

Sostieni i centri ematologici con il tuo 5x1000


centri ematologici AIL

Basta una firma per sostenere 116 centri ematologici in tutta Italia

I centri ematologici svolgono un ruolo di primaria importanza nel percorso di cura di ogni paziente. In reparto si riceve la diagnosi, si definisce con lo specialista il percorso di cura e si erogano le terapie, si salvano in concreto le vite di tanti malati. Molti di questi centri, inoltre, contribuiscono a costruire nuovi percorsi terapeutici nell’ambito dei tumori del sangue, finanziando studi sperimentali e borse di studio per medici e biologi.

Per questo AIL, attraverso il lavoro delle sue 81 sedi territoriali, sostiene 116 centri Ematologici in tutta Italia, investendo ogni anno oltre 6 milioni di euro, dei quali 1.860.000 vengono proprio dalle donazioni del 5x1000. Grazie a questi fondi possiamo:

  • realizzare o ristrutturare day hospital, reparti di ricovero, ambulatori e laboratori;
  • acquistare apparecchiature all’avanguardia;
  • finanziare personale sanitario e borse di studio destinate a medici e biologi;
  • Sostenere protocolli di cura sperimentali;
  • Garantire servizi e sostegno psicologico a malati e familiari.

AIL E IL TERRITORIO: L’IMPEGNO DELLA SEZIONE AIL DI TORINO

La Dottoressa Patrizia Pregno è la Direttrice facente funzione della Struttura Complessa di Ematologia dell’A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino, uno dei centri ematologici che la sezione locale dell'Associazione sostiene con un supporto quotidiano. La Dottoressa ci ha spiegato perché è importante il contributo di AIL Torino per il funzionamento della struttura complessa che dirige.
“Il supporto di AIL  si è strutturato negli anni e non è mai mancato, anche nel corso della recente pandemia. Parliamo di un’attività di sostegno che si sviluppa a 360°, sia verso la struttura e i professionisti che lavorano al suo interno, sia verso i pazienti e i loro familiari.
Da una parte AIL supporta i centri ematologici per l’acquisto di attrezzature, per la gestione dell’attività quotidiana a favore di pazienti e per l’erogazione di borse di studio destinate a giovani medici e ricercatori. A questo proposito, grazie anche al contributo di AIL Torino, partirà a breve un progetto che ha l’obiettivo di ottimizzare la gestione dei protocolli sperimentali avviati dalla nostra struttura, coordinando anche i rapporti con i pazienti nella somministrazione di terapie complesse e di farmaci ad alto costo. Si tratta di una borsa di studio mirata a formare una figura che funga da punto di incontro tra malati e centro ematologico, un supporto importante per la corretta gestione dei protocolli e per offrire ai nostri pazienti le terapie più aggiornate ed efficaci.
Ma come dicevo l’azione di AIL non si rivolge solo alla struttura e ai suoi professionisti, ma anche e soprattutto ai pazienti. AIL Torino ha creato e gestisce la casa AIL che permette ai malati non residenti di soggiornare gratuitamente in città; finanzia il servizio di trasporto dei pazienti non autosufficienti verso nostra struttura per le cure in Day Hospital e per i controlli ambulatoriali complessi; garantisce supporto psicologico ai pazienti, anche attraverso la presenza dei volontari; ha organizzato incontri informativi per i pazienti diversificati per singola patologia, che dopo l'emergenza Covid-19 sicuramente riprenderanno. 
Posso quindi dire, avendolo toccato con mano, che il lavoro di AIL a favore delle strutture ematologiche è importante così come il suo contatto costante con le esigenze del territorio, che ci permette come centro di ricevere supporto quando si manifesta una criticità. Continuate quindi a sostenere L’Associazione con il vostro 5x1000, per far arrivare i fondi dove c’è realmente bisogno”.

Codice fiscale AIL 80102390582

Scopri come donare il 5x1000

 

 

Questo sito utilizza i cookie tecnici per il proprio corretto funzionamento e cookie di terze parti per l'implementazione di alcune funzionalità esterne (ad es. social bookmarks). Navigando le pagine del sito o cliccando su 'OK' acconsenti all'impiego dei cookie.

Leggi l'informativa completa