•  

Oncoematologia pediatrica: la storia di Emanuela, terapista occupazionale

oncoematologia pediatrica

Sono Emanuela e lavoro come terapista occupazionale nel reparto di oncoematologia pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma, dove i piccoli pazienti trascorrono lunghi periodi della loro vita per affrontare le cure e i protocolli di chemioterapia.

Quando ho iniziato, più di 30 anni fa, non si pensava che una figura di questo tipo fosse necessaria all’interno di una struttura di ricovero, soprattutto per bambini così gravemente malati, ma che la cosa più importante fosse la cura. Ovviamente è così, ma il prof. Mandelli ne riconobbe l’importanza e mi consentì di ricoprire questo ruolo, riconoscendolo come intervento professionale e terapeutico a tutti gli effetti. 

In un ambiente prettamente medico, i Prof. Mandelli ed AIL hanno avuto la lungimiranza di capire quale sarebbe stato il futuro dell’assistenza ai pazienti e alle loro famiglie

L’obiettivo del mio lavoro è garantire una qualità di vita il più possibile vicina alla normalità, poiché si tratta di bambini che devono continuare ad avere un regolare sviluppo. Attività come la mia, la ludoterapia o la teatroterapia, permettono ai bambini di ritagliarsi degli spazi di vita normale, in un contesto tanto duro come quello ospedaliero.

Mantenere spazi dedicati al gioco e alla scuola, oppure svolgere attività manuali, è un bene per il bambino perché gli consente di esprimere sentimenti come la paura e la preoccupazione e allo stesso tempo offre supporto alla madre che normalmente lo accudisce 24 ore su 24, concedendole degli spazi per potersi allontanare e dedicare tempo anche a se stessa.

L’importanza del gioco ha questa valenza: aiutare il bambino a diversificare le sue giornate, presso la stanza di ricovero o all’interno di uno spazio attrezzato dove è sempre presente un operatore, offrendo qualcosa di diverso dalle terapie e da tutto quello che un ricovero comporta.

 

img cuore 5x1000 AIL

Sostieni i progetti di sostegno AIL ai reparti di oncoematologia pediatrica , scrivi il codice fiscale AIL e destina il tuo 5x1000 alla nostra causa.

Scriviamo insieme un'altra bellissima storia!

 

Codice fiscale AIL 80102390582

Scopri come donare il 5x1000

 

 

Questa è la storia di Zeno. Il racconto di un amore capace di superare tutti gli ostacoli, anche la leucemia. Sostieni AIL #MaiPiùSogniSpezzati

Questo sito utilizza i cookie tecnici per il proprio corretto funzionamento e cookie di terze parti per l'implementazione di alcune funzionalità esterne (ad es. social bookmarks). Navigando le pagine del sito o cliccando su 'OK' acconsenti all'impiego dei cookie.

Leggi l'informativa completa